Klimaschutz – Ja! – 13. Juni 2021
22. Aprile 2021

Zurigo, Comunicato stampa

La scienza lancia un appello per il Sì alla legge sul CO2

Zurigo, 22 aprile 2021 — Rinomati scienziati sottolineano in gran numero l’urgenza di rafforzare la protezione del clima mediante la legge sul CO2. La Svizzera ha bisogno di questo passo efficace poiché è già gravemente colpita dai cambiamenti climatici. Solo così la Confederazione potrà raggiungere gli obiettivi di Parigi e la neutralità climatica. Ecco perché la comunità scientifica si impegna a favore della legge sul CO2.

L’urgenza del cambiamento climatico richiede un’azione decisa: ora anche la scienza prende posizione in merito. In un appello, oltre un centinaio di scienziati, ingegneri, giuristi, politologi, sociologi, umanisti e economisti attivi presso università, politecnici e istituti di ricerca svizzeri si rivolgono alla popolazione elvetica.

«La scienza lo dimostra chiaramente: il cambiamento climatico è reale e ha origine antropica. Già oggi siamo fortemente colpiti dai suoi effetti. Come scienziati, siamo preoccupati e ci impegniamo a garantire che i fatti vengano ascoltati e presi sul serio. La legge sul CO2 è un passo importante. Non possiamo perdere tempo», afferma il prof. Reto Knutti, fisico del clima presso l’ETH di Zurigo.

Con il cambiamento climatico, le ondate di calore e le forti precipitazioni aumentano, le estati si fanno più secche, cade meno neve e i ghiacciai si sciolgono. Ogni tonnellata di CO2 emessa aumenta i rischi per l’agricoltura, l’approvvigionamento energetico, la salute, l’acqua, le foreste e la biodiversità, riducendo il margine per le decisioni future.

«Con la legge sul CO2, la Svizzera, uno dei paesi più abbienti e tecnologicamente avanzati, invia segnali importanti per la protezione globale del clima», sottolinea il prof. Philippe Thalmann, economista ambientale presso l’EPFL di Losanna.

«La legge sul CO2 affronta le preoccupazioni di diversi attori e settori e costituisce un passo importante affinché la Svizzera possa raggiungere gli obiettivi climatici di Parigi, mantenendo così gli impegni internazionali presi», sottolinea la prof.ssa Karin Inold, politologa presso l’Università di Berna.

Secondo il comitato scientifico, un obiettivo climatico ambizioso deve essere anche economicamente fattibile e lungimirante: i costi risultano sostenibili e i benefici di un’efficace protezione del clima superano chiaramente gli sforzi profusi. Da un lato, si evitano i danni causati dai cambiamenti climatici e, dall’altro, godiamo di aria più pulita, biodiversità e innovazione. Al contempo, la Svizzera riduce la sua dipendenza dalle importazioni dei combustibili fossili, garantendo la competitività delle imprese elvetiche e incrementando gli investimenti a favore di edilizia e mobilità.

Contatto

Informazioni

Dichiarazione della comunità scientifica in merito alla legge sul CO2 e elenco degli scienziati firmatari

 

Collaborare subito!